Sardegna: tragedia in gommone

Il nostro salotto dove parlare e scrivere di argomenti non trattabili in altre sezioni.

Moderatore: MOD GLOBALI

Rispondi
Avatar utente
Mayol1965
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 1937
Iscritto il: 24/10/2015, 11:39

Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Mayol1965 » 18/06/2024, 14:58

Un’altra tragedia in mare ad inizi estate :(( . Un gommone con due ragazzi è finito su di una secca/scogli. Un ragazzo di 26 anni è morto, la ragazza è stata salvata. Erano usciti di notte per un giro e vedere il cielo stellato. Il giovane sembra fosse anche esperto della zona. La dinamica è ancora al vaglio della Guardia Costiera.

https://corrierefiorentino.corriere.it/notizie/24_giugno_15/chi-era-pietro-stipa-il-giovane-ufficiale-della-marina-morto-contro-gli-scogli-della-maddalena-02119ae8-e4c2-474d-9b82-ba7ba87acxlk_amp.shtml
Marco

Avatar utente
Mauro_59
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 1728
Iscritto il: 19/12/2018, 17:57

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Mauro_59 » 18/06/2024, 16:50

Non solo era un giovane ragazzo ma anche un ufficiale della marina militare, quindi buon conoscitore del mare! Che strano!
Un tragico destino…
Mauro

mezzomarinaio
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 1512
Iscritto il: 16/04/2013, 18:39

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da mezzomarinaio » 18/06/2024, 19:18

Purtroppo sono Fatalità che possono accadere, soprattutto andando planati di notte...
Anche io vado sempre via di notte anche a velocità sostenute in una zona che conosco come le mie tasche...
Venti giorni fa circa prima uscita notturna della stagione hanno piantato dei pali nuovi a lato di un canale... li ho presi a 20 nodi... me ne sono accorto all'ultimo ho trimmato il più possibile e per mia grande fortuna è andato tutto bene Ci sono saltato su senza fare nessun danno... io e soprattutto i miei passeggeri potevamo farci molto male...
Matteo

Avatar utente
Mauro_59
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 1728
Iscritto il: 19/12/2018, 17:57

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Mauro_59 » 18/06/2024, 21:06

Scusa Matteo, ma quello che hai raccontato non è fatalità, ci sarebbe un nome totalmente opposto… :nono :nono :nono

Già navigare lungo un canale o in prossimità di esso a 20 nodi di giorno sarebbe una grave infrazione (ricordo i 10 nodi entro un km dalla costa), farlo poi di notte!!!

Ma porca miseria, vi fa così schifo la vita??? :rolff :rolff
Mauro

Fletcher
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 4023
Iscritto il: 20/04/2011, 0:03

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Fletcher » 18/06/2024, 23:35

La luna, la femmina e la cavolata è dietro l'angolo.
Però dall'articolo sembra che la ragazza non ha avuto problemi di alcun genere, mentre lui sbalzato in mare e poi ritrovato ........ sembra un po strano, forse ha avuto un malore e perso il controllo?

Avatar utente
Doppiogolf
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 2292
Iscritto il: 23/08/2015, 16:56

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Doppiogolf » 19/06/2024, 11:01

Purtroppo ha battuto la testa sugli scogli su cui si è arenato.
Sarebbe lungo e noioso (almeno per noi italiani, arguti, eclettici, fantasiosi ma anche critici, polemici, istintivi ...) ricordare il processo attraverso il quale percepiamo il pericolo (la valutazione del rischio nostro o degli altri) e quindi la confidenza che viene ad instaurarsi che limita ed adatta ogni volta il livello di sicurezza, personalizzandolo.
Per ridurre gli incidenti e gli infortuni, ma soprattutto per evitarli, servirebbe parlare al proprio Ego che ci sollecita a saltare i passaggi, a semplificare le procedure, ad adattare le regole caso per caso, dicendogli:
caro amico, l'infortunio dispone di un'arma terribile, molto ma molto difficile da sgominare, che si chiama statistica.
Più statisticamente è raro, più è alta la probabilità che sia difficile da prevenire ma anche più pericoloso e distruttivo.
L'unica arma che abbiamo, noiosa, goffa, stancante, è il rispetto delle regole, sempre e comunque.
Le regole ci sono tutte, anche se applicandole purtroppo ci esporremo a venir definiti masochisti, integralisti, pignoli, mancanti di un minimo di buonsenso e non faremo colpo sulle giovani generazioni, più propense alla trasgressione se non addirittura a vantarsene.
In una vita lunga 26 anni del giovane ufficiale, è bastata una volta sola per concluderla.
Spesso mi dico che non c'è nulla da fare, che dobbiamo solo prepararci alla prossima notizia, in mare, in montagna, sulle strade, perché non saranno gli interventi normativi a salvarci da queste disperazioni ma solo la volontà delle persone intesa a capire e quindi finalmente ad agire dove veramente occorre cambiare.
Gabriele

Fletcher
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 4023
Iscritto il: 20/04/2011, 0:03

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Fletcher » 19/06/2024, 11:23

Mah io sono fatalista, quando una cosa deve succedere succede e basta, Schumaker dopo aver rischiato la vita in mille occasioni in pista ..... con una stupidissima caduta sugli scii ...... purtroppo gli incidenti capitano.

Avatar utente
Doppiogolf
GRAZIE per la costante ed attiva partecipazione al forum
Messaggi: 2292
Iscritto il: 23/08/2015, 16:56

Re: Sardegna: tragedia in gommone

Messaggio da Doppiogolf » 19/06/2024, 15:10

Verso le 11 di mattina Schumacher si dirige in un tratto non battuto a velocità normale, ma viene sorpreso da una roccia nascosta dal manto bianco di neve fresca. La colpisce, poi piomba di testa su un altro masso. Sono le 11.07. Ha il caschetto di protezione, ma non basta. La dinamica dell'incidente viene svelata da una telecamera GoPro che era sul casco dello stesso pilota tedesco.
Schumi stava procedendo a bassa velocità e non era impegnato in un vero e proprio fuoripista. Si stava limitando a passare da una pista battuta all'altra attraversando un breve, ma fatale, tratto di neve non battuto che nascondeva le rocce contro cui ha urtato prima gli sci e poi la testa e contro cui si è rotto il caschetto. L’ex pilota tedesco di Ferrari e Mercedes viene immediatamente soccorso e portato in elicottero all'ospedale Universitario di Grenoble, dove viene ricoverato in "gravi condizioni".

.
Hai proprio sintetizzato la quinta essenza del pensiero comune, che dimostra l'impossibilità di ridurre gli infortuni.
Non credo che sia previsto dalle "regole" attraversare i tratti di neve fresca fra una pista e l'altra dove non avendo visibilità ti puoi bloccare di colpo e cadere su di un'altra roccia, con un caschetto che si è rivelato non idoneo, visto che normalmente le omologazioni sono fatte per garantire dei coefficienti di sicurezza tali da ... non rompersi al primo colpo...
Un casco è un DPI (dispositivo di protezione individuale) e se viene prodotto come tale deve riportare il marchio CE a dimostrazione delle prove che ha superato ecc ecc ....a meno ché non fosse stato un oggetto più estetico che funzionale come spesso avviene.
Mi sembra proprio una dinamica esattamente come quella dell'incidente del povero ufficiale di marina, che procedeva a memoria ma senza visibilità ... tanto non succede mai niente...
Gabriele

Rispondi